Contatti  

A.I.A. Sezione di Enna
Via Roma, 411

94100 Enna
Telefono: 0935/1830720
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

   

Esordio di Michele Buzzone in Promozione

Il 2016 in campo della nostra sezione si è aperto con una bella soddisfazione, proveniente dal nostro Michele Buzzone che ha esordito nel campionato di Promozione nel giorno della Befana al "Comunale Giulio Nicosia" di Tremestieri Etneo (CT), dirigendo la gara Atletico Pedara - Adrano Calcio, valevole per il Girone C e terminata con un combattuto pareggio per 1-1. A coadiuvare Michele nel suo debutto sono stati gli Assistenti Antonino Junior Palla e Diego Pernicone, entrambi della sezione di Catania.

Michele, classe '96, proveniente da Nicosia, è transitato nei ruoli regionali all'inizio di questa stagione, e dopo una prima parte di stagione in cui si è ben distinto in Prima Categoria, ha avuto il piacere di poter compiere questo salto. Ci racconta delle sue emozioni e delle sue sensazioni provate prima, durante e dopo in questa breve chiacchierata. Buona lettura!

Chi vuoi ringraziare per quest'esordio?

"Voglio ringraziare in primo luogo il responsabile regionale della prima categoria ed ex presidente sezionale Filippo Tilaro, fin dai Giovanissimi mi ha sempre dato fiducia e i suoi consigli sono stati fondamentali per la mia crescita come arbitro, inoltre ringrazio tutto il direttivo della sezione AIA di Enna, in particolare il Presidente Giuseppe Di Gregorio, in cui ho trovato un punto di riferimento sempre disponibile per me e per tutti gli altri ragazzi; infine vorrei ringraziare mio padre che è sempre stato il mio compagno di viaggio ma anche uno sfogo per il post-partita, la sua presenza, inoltre, è sempre stata motivante per me."

Da quanto tempo arbitri? Ti ricordi la tua prima gara? Cosa ti ha spinto ad entrare nell'AIA?

"Sono diventato arbitro nel Dicembre del 2013, quindi poco più di due anni. La mia prima gara la ricordo benissimo: si giocò a Valguarnera l’8 Gennaio del 2014, era una gara di giovanissimi e credo sia impossibile dimenticare le emozioni della prima partita, la gioia di essere diventato un arbitro fu grandissima per me. Fin da quando ero bambino il calcio è sempre stato una parte importantissima della mia vita, qualche mese prima che iniziasse il corso arbitrale, a Nicosia si giocava un torneo amatoriale e Michele Raspanti, un mio grande amico arbitro, mi disse di aiutarlo ad arbitrare, una cosa tira l’altra e a Novembre decisi di frequentare il corso."

Quali sono state le tue sensazioni appena hai saputo che avresti esordito?

"Non posso negare che non appena ho visto la designazione e ho capito che si trattava di una gara di Promozione la mia gioia è stata immensa, ho ripensato a tutte le partite, dalle categorie giovanile fino alle ultime in Prima categoria. Non riuscivo a credere a tutto quello che mi stava accadendo, nemmeno nei miei sogni più belli avrei mai potuto immaginare di fare una gara di Promozione dopo solo due anni di arbitraggio."

Come è stato il rapporto con gli Assistenti? Come ti sei trovato ad arbitrare in 3 e non più da solo?

"Il rapporto con gli assistenti, Antonio Palla e Diego Pernicone, è stato, almeno da parte mia, di grande fiducia, mi sono trovato subito bene con loro che, avendo più esperienza in questa categoria, hanno saputo darmi dei suggerimenti importanti su come affrontare la gara. Sicuramente dopo aver arbitrato sempre da solo, passare ad avere gli assistenti porta un enorme cambiamento, devo ammettere che soprattutto nei primi minuti non è stato facile abituarmi all'idea di avere con me due validissimi collaboratori, ma con il passare del tempo ho preso sicurezza e sono riuscito ad esprimere le mie potenzialità."

Qual è il tuo prossimo obiettivo?

"Il mio obiettivo continua ad essere quello di fare bene dimostrando ciò che posso fare in campo, sicuramente continuerò a dare il massimo per tenermi sempre in allenamento. La strada è ancora lunga, non mi sembra il caso di fare previsioni sul mio futuro, i responsabili regionali sapranno offrirmi il meglio per dimostrare a tutti le mie capacità."

Il presidente Giuseppe Di Gregorio, il vicepresidente Luigi Barbarino, l'intero Consiglio Direttivo e tutti gli associati della sezione si congratulano con Michele per il traguardo appena raggiunto, speranzosi che possano festeggiare altri traguardi più importanti nelle prossime stagioni.

Mirko Cino